L’amore si festeggia in tutto il mondo

In questo post ho raccontato qualcosa di San Valentino, ora invece voglio farvi fare un breve viaggio per capire come viene festeggiato l’amore in giro per il mondo ….

index

In Italia il giorno dell’amore viene festeggiato dagli innamorati con regali originali e simbolici, cene a lume di candela e lo scambio di biglietti d’auguri personalizzati, tradizione mondiale che rivendica le sue origini in Francia. La storia vuole infatti che sia stato Charles, duca d’Orleans, a scrivere la prima lettera di San Valentino. Qui infatti gli innamorati si scambiano lettere e cartoline.

In Galles la festa dell’amore non è il 14 Febbraio ma si festeggia il 25 gennaio, ossia il giorno di San Dwynwen, considerato il patrono degli innamorati gallesi. In questa ricorrenza è consuetudine intagliare cucchiai in legno e decorarli con cuori, chiavi e lucchetti. Il loro significato è: “Mi hai aperto il cuore”.Negli Stati Uniti San Valentino si festeggia il 14 Febbraio ed è una festa particolarmente sentita non solo dagli adulti, ma anche dai bambini. In molte scuole si organizza infatti una festa con scambio di bigliettini decorati preparati proprio dai piccoli studenti.

In Inghilterra è tradizione regalare al partner ma anche ai bambini dei dolcetti decorati a tema e inviare fiori o biglietti in modo anonimo.

Gli spagnoli, che sono tradizionalmente conosciuti per essere un popolo passionale, manifestano apertamente questa caratteristica regalando rose rosse alle persone amate.
In Finlanda, il 14 febbraio si festeggia “Il giorno degli amici”. Per l’occasione si preparano piccoli doni per partner, amici e famiglia. Il mandante è anonimo e ognuno deve scoprire chi si è ricordato di lui in questo giorno.
In Polonia, le coppie non scelgono le rose ma i lucchetti per giurare amore eterno. Questi lucchetti vengono attaccati al ponte Tumski e la chiave viene in seguito gettata nel fiume Oder.

In Romania la festa degli innamorati si chiama Dragobete, e cade il 24 febbraio. Dragobete è nella mitologia rumena il figlio di Baba Dochia, che rappresenta  l’impazienza degli uomini nell’attesa dell’arrivo della primavera. Anche in  Slovenia la festa degli innamorati non rispetta la classica data: il 14 febbraio infatti è il giorno in cui si comincia a lavorare nei campi, mentre la tradizionale festa degli innamorati è San Gregorio, il 12 marzo.

In Brasile il giorno dedicato agli innamorati non arriva il 14 febbraio, ma il 12 giugno, e viene chiamato Dia dos namorados. La scelta della data è quella della vigilia della festa di Sant’Antonio, tradizionalmente conosciuto nel paese come santo in grado di far innamorare le persone.

In Argentina invece un giorno non è sufficiente per festeggiare San Valentino, nel paese del Tango infatti oltre alla convenzionale data del 14 febbraio si aggiunge un’intera settimana nel mese di luglio (13-20) chiamata “Sweetness week” durante la quale innamorati e amici si scambiano dolci e baci.

In Cina la festa degli innamorati si tiene il settimo giorno del settimo mese del calendario lunare cinese. In questo giorno molti giovani manifestano il loro amore mentre i single pregano e sperano di trovare l’amore della loro vita. In molto parchi vengono addirittura organizzate diverse attività di incontro per i single di modo che possano pubblicare le proprie informazioni per presentarsi l’uno con l’altro.

Se i fiori sono simbolo internazionale di romanticismo,Taiwan può vantare i festeggiamenti più romantici dato che è conosciuta proprio per i fiori. Lì si festeggia San Valentino due volte all’anno: il 14 febbraio e il 7 luglio e per l’occasione vengono regalati mazzi di fiori alla persona amata. Secondo la tradizione Taiwanese il colore e il numero dei fiori donati simboleggiano un messaggio importante: le rose rosse rappresentano “l’unico amore”, ma 99 rose rappresentano “l’amore eterno”; e 108  rose rappresentano la domanda “mi vuoi sposare”?.

I giapponesi festeggiano San Valentino il 14 febbraio, ma a differenza degli altri paesi il regalo non è necessariamente diretto a fidanzati e mariti: le ragazze possono donare cioccolatini anche al proprio datore di lavoro o collega di ufficio. Gli uomini che ricevono del cioccolato a San Valentino devono ricambiare il dono ricevuto regalando cioccolato bianco un mese dopo San Valentino (cioè il 14 Marzo). Il 14 Marzo è conosciuto infatti come il White Day. A Tokio, il 14 aprile è invece la “Giornata nera”. In questa occasione coloro che non hanno ricevuto cioccolato né il 14 febbraio né il 14 Marzo ordinano al ristorante spaghetti al nero di seppia, come simbolo della propria tristezza e solitudine.

In certi paesi sono proprio originali… e voi come amate festeggiare il giorno dell’amore?

Precedente San Valentino: chi era costui? Successivo MammaDescrive: I mille e un..papà: il papà-nonno

Lascia un commento


*