Il tempismo dei bambini: piccolo sfogo

Ed è proprio quando avevi programmato di passare il pomeriggio (diciamo dalle 14 alle 16) a pulire e sistemare casa, che i bambini decidono di non dormire.

Quando poi lei crolla (sul divano), sono già le 15.20…. lui invece niente da fare. Dopo aver tentato due volte di coricarlo, si risveglia.

Così, come se niente fosse arrivano le 16.45 e tu non hai fatto nulla di quello che avresti voluto-dovuto. E ti ritrovi davanti al pc a scrivere un nuovo post, con lei sul divano che continua a dormire, lui in braccio che puppa e la casa completamente sottosopra.

Ma so già che stasera, quando sarò finalmente coricata a letto, ripenserò alla giornata trascorsa e mi renderò conto che la casa è totalmente in disordine e passerò il weekend ( o almeno una buona parte) a sistemare, mentre Marito sporcherà dall’altra con i suoi lavori, Novembre è alle porte e tutto quello che avevo deciso di fare (per tempo) per Natale è ancora da iniziare e si, essere mamma vuol dire anche questo, ma cavolo, per una volta è anche concesso arrabbiarsi, sentirsi stanca e non vedere tutto come una parte del meraviglioso mondo delle mamme.

Ecco, mi sono sfogata!!

Precedente Tante cose, troppo poco tempo... Successivo Nuovo mese, nuove sfide.

Lascia un commento


*